5a andata - Calcio Club Lonigo

Vai ai contenuti

Menu principale:

5a andata

LE CRONACHE > 2009/2010

SPESSA – CCLONIGO  1 – 2   Orbana 2
5a giornata andata 26/10/2009
Formazione : Lovato S., Bellini P., Allocca S., Negretto M. (2°T  Iobbi M.), Pozzan N., Enfasi M., Manega M. ( 20° 2° T Lancia E.), Zazzaron P., Pasqualotto A., Volpato M., Orbana A (30° 2°T Tisato L.).  
Non entrati : Shainaj S., Nardi A., Perin A.  
Indisponibili : Guarda D.,Mancini D., Bellini A,Panozzo L., Saccanelli P.   
Staff tecnico : Castiglion F., Percali G., Volpe G.


Non me ne vogliano gli altri componenti della rosa che comunque hanno lottato, si sono impegnati ed hanno dato tutto, soprattutto nel secondo tempo, per portare a casa un risultato importante, ma questa sera, più ancora delle altre, non possiamo non essere concordi nel dire che Orbana è stato non solo determinante, ma che ha fatto letteralmente la differenza tra le due squadre. Questa sera, senza le sue invenzioni anzi, senza le sue due perle calcistiche, non credo che saremmo usciti vincitori dal campo di Spessa.
Il confronto tra le due squadre è sempre stato vissuto quasi come un derby anzi, come una partita tra
Vicenza e Verona (quando il Verona non era tra i dilettanti) e le difficoltà che infatti troviamo in questo campo sono sempre maggiori di quanto non dicano poi le classifiche. Partita sofferta quindi, contro una compagine imbottita di stranieri (stile Udinese) che danno vivacità, grinta e grande volontà (anche se il calcio comunque è un’altra cosa) e che chiude in vantaggio il primo tempo.  
Già al 10° Stefano nega il vantaggio ai padroni di casa deviando in angolo un tiro scoccato da circa un metro dentro l’area che sembrava destinato a finire inesorabilmente sotto il sette, ma capitola al 25° sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La difesa leonicena, un po’ distratta, lascia colpire quasi indisturbato un avversario che indirizza la palla sul palo opposto dove però Zazzaron, ben piazzato sulla linea di porta, respinge, ma serve involontariamente un altro avversario che dal limite tira teso e rasoterra un pallone che passando tra una  selva di gambe finisce in rete, complice anche una leggera deviazione. Sono le uniche due occasioni per i padroni di casa, ma tanto basta.
Per quanto riguarda gli ospiti, che non stanno comunque a guardare, c’è da segnalare un tiro angolato di Orbana deviato in angolo dal portiere e tre traversoni tesi e bassi, sempre di Orbana, che attraversano tutto lo specchio della porta senza che a turno i vari Volpato, Enfasi e Pasqualotto riescano ad arrivarci con una parte qualsiasi del corpo per una deviazione che sarebbe stata decisiva.
Nel secondo tempo il Lonigo cambia marcia, mette finalmente in campo gli attributi e sale in cattedra Orbana, a dire il vero non sempre impeccabile nel dialogare con i compagni quando in un paio di occasioni si intestardisce nel voler cercare a tutti i costi dribbling stretti che quando riescono comunque diventano devastanti per gli avversari. Andrea si conquista l’ennesima punizione dal limite (a proposito….ogni volta gli avversari insistono nel dire di non averlo quasi toccato… eppure lui cade e l’arbitro fischia). Siamo un metro fuori area e ad un paio dalla linea di fondo vicino alla bandierina e mentre gli avversari si agitano in area per trovare posizione e con il portiere a dare disposizioni ai compagni, Andrea calcia repentinamente e sorprende tutti per l’uno a uno.
Una manciata di minuti ed altra punizione conquistata al limite dell’area, stavolta per merito di Manega (altro professionista della caduta facile). Zazzaron prova a piazzarsi per il calcio (non ha ancora perso l’abitudine) ma al tiro ci va Orbana che a dispetto di una barriera allungata mette, con un tiro forte e teso, la palla là dove prima c’erano solo ragnatele e dove neanche Buffon è solito mettere il naso. ORBANA 2 – SPESSA 1 . Pochi minuti ancora e un fantastico tiro al volo alla Van Basten di Matteo Enfasi scuote la traversa tra gli OHH!!! di meraviglia di tutti i presenti (giocatori, pubblico e anche quelli seduti al bar in centro). Poi 10 minuti d sofferenza tra azioni non finalizzate all’ultimo passaggio, con i padroni di casa a buttare in campo le ultime forze e i leoniceni a spendere le ultime energie per un successo che li mantiene al vertice in attesa del big match di venerdì contro un’altra veronese, il Boca Junior che insegue ad un punto.
Sempre buona la gestione della squadra da bordo campo…non so Pero se sei d’accordo.
AVVISO ATTENZIONE !!!! Venerdì prossimo dopo la partita, favolosa grigliata con il duo Gemellon-Pasquino.

Dal rettangolo di gioco di Spessa, sfinito ma contento…Belu Sr.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu